Origini della giardiniera

La giardiniera. E’ noto come la cucina Piemontese tragga le proprie origini dalla cucina contadina, una cucina povera ma fatta di ingredienti sani e naturali. Oggi vi presentiamo la ricetta della giardiniera o antipasto piemontese, una antica ricetta nata per conservare le verdure dell’orto e che è giunta fino a noi, come tante altre ricette del mondo contadino.

Nel tempo, la giardiniera è diventato uno dei piatti forti della cucina tipica di questa regione, che ha negli antipasti una delle sue principali caratteristiche, non solo per il suo gusto delicato ma anche per il suo basso apporto calorico; la giardiniera è inoltre, un modo semplice per consumare verdure in ogni periodo dell’anno.

La ricetta che segue e le quantità, sono per la realizzazione di una dozzina di barattoli.

Ingredienti

  • 500 grammi di sedano
  • 500 grammi di cipolle
  • 500 grammi di fagiolini
  • 500 grammi di cavolfiore
  • 500 grammi di peperoni
  • 500 grammi di carote
  • 3 kg. di pomodori maturi
  • num. 3 foglie di alloro
  • 2 cucchiaini di zucchero
  • 1 bicchiere di aceto
  • olio extravergine di oliva
  • sale grosso

Procedimento

  1. La prima cosa da fare è quella di lavare per bene le verdure e tagliarle a cubetti.
  2. Lavate e pelate i pomodori. Fatto questo incidete la pelle e passateli per qualche minuto nell’acqua bollente.
  3. In un poco di olio extravergine di oliva, fate rosolare una cipolla tritata in maniera molto fine; aggiungete le foglie di alloro e i pomodori e cuocete il tutto per circa mezz’ora.
  4. Ora passate il tutto nel passaverdura e portate a ebollizione il passato. Non appena il tutto bolle aggiungete le verdure tagliate a cubetti e lo zucchero,
  5. Per rispettare i diversi tempi di cottura, le verdure vanno aggiunte al passato, ad un’intervallo di 10 minuti una dall’altra, nel seguente ordine; sedano, carote, cipolline, fagiolini, cavolfiore, peperoni.
  6. Passati i dieci minuti dopo l’aggiunta dei peperoni, aggiungere un bicchiere di olio extravergine di oliva, uno di aceto e un pugno di sale grosso e mescolare bene in modo che gli ingredienti si amalgamino bene tra di loro.
  7. Parallelamente a questa ultima operazione, sterilizzate i barattoli mettendoli in forno caldo per 10 minuti.
  8. Versate la giardiniera nei barattoli, tappateli stringendoli bene e rovesciandoli.

Consumo

La giardiniera o antipasto piemontese si sposa molto bene con i salami e, in genere, con i salumi piemontesi.

La preparazione non è complicata, richiede solo un poco di tempo e di pazienza ma, se volete gustarla e non avete il tempo e la voglia di cucinarla da sole, potete sempre prenotarla al Pastificio Artigiano il Castello di Caravino, in provincia di Torino. Saremo lieti di soddisfare ogni vostro desiderio alimentare.

Buon Appetito.